NUOVI AFFITTI A CANONE CONCORDATO ANCHE A IMOLA E NEL CIRCONDARIO IMOLESE

Dal 16 Marzo 2015 è possibile sottoscrivere i nuovi contratti di locazione a canone concordato anche nei Comuni di Imola, Castel San Pietro, Dozza, Medicina, Castel Guelfo, Mordano,Castel Del Rio, Fontanelice, Casalfiumanese, Borgo Tossignano

Infatti l’UPPI – Unione Piccoli Proprietari Immobiliari della Provincia di Bologna– ha sottoscritto presso la sede del Nuovo Corcondario Imolese  l’accordo per la stipula dei nuovi contratti d’affitto a canone convenzionato previsti dalla legge 431 del 1998.

Questo accordo, rispetto a quello precedente sottoscritto nel 2004, ha apportato alcune significative modifiche ai contratti d’affitto, tra cui:
- Le tariffe al mq. hanno subito complessivamente una riduzione rispetto all'accordo precedente e comunque sono state rapportate ai valori di mercato
- In caso di appartamento ammobiliato, le tariffe possono aumentare fino al13%.
- Se viene prevista una riduzione del periodo di preavviso per risoluzione anticipata si possono aumentare le tariffe al mq. del 5%
- Se il proprietario accetta una sola mensilità del canone come deposito cauzionale, si ha la possibilità di aumentare le tariffe al mq. del 5%.

- Di rilevante importanza il Certificato di Prestazione Energetica che, in caso di classe A B C o D, permette una maggiorazione del canone del 5%.

- Il testo dell'accordo è più razionale e veloce nelle procedure in quanto rapportato con gli accordi sottoscritti per il Comune di Bologna ed i restanti Comuni della Provincia bolognese.
L’accordo sottoscritto è strumento utile per rilanciare il mercato delle locazioni in quanto dà la possibilità di continuare a stipulare contratti d’affitto a canone concordato garantendo ai proprietari la possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali previste per i comuni ad alta tensione abitativa e per quelli che hanno richiesto lo stato di calamità naturale nei 5 anni precedenti.

I commenti sono chiusi