SEDE
PROVINCIALE
DI BOLOGNA


              
Home Rivista News Links Mail Mappa
        
 
La nostra storia
UPPI Sindacato
Indirizzo sede
Elenco deleg. Provincia
  di Bologna
• Sedi UPPI
• Prevenzione furti
 Iscrizioni on-line
• Servizi on-line
• Come contattare l'UPPI
• Elenco servizi associati
• Contratti di locazione
• Canoni concordati
• ISTAT
• Contratti portieri CCNL
• Contratto badanti CCNL
Home - Settore Legale

Lavori di manutenzione straordinaria, deliberazione di approvazione delle spese e scelta del criterio di ripartizione: profili d’invalidità

Lavori di manutenzione straordinaria, deliberazione
di approvazione delle spese e scelta del criterio di ripartizione:
profili d’invalidità

Una sentenza del Tribunale di Bari resa il 20 maggio 2010, la n. 1826, ci consente di tornare a parlare dei lavori di manutenzione straordinaria e più nello specifico dei profili inerenti la ripartizione delle spese e la scelta dei criteri a ciò deputati.

Prima d’ogni cosa è utile comprendere cosa si debba intendere per interventi di manutenzione straordinaria. Secondo la definizione contenuta nel testo unico dell’edilizia sono straordinarie “le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso” (art. 3, primo comma lett. b, d.p.r. n. 380/01). In ambito condominiale, ferma restando l’importanza di tale definizione, in primo luogo devono considerarsi straordinari tutti quegli interventi che anche in relazione alla spesa da sostenersi non sono considerabili preventivabili, ne tanto meno erano stati preventivati all’inizio dell’anno di gestione. In secondo luogo sono interventi straordinari quelli che, esulando dall’ordinaria amministrazione, servono a conservare l’immobile condominiale in buono stato. Sulla manutenzione straordinaria l’assemblea ha una competenza generale che cede il passo all’intervento dell’amministratore solo nel caso d’intervento urgente (art. 1135, secondo comma, c.c.). In tal caso il mandatario ha l’obbligo di riferire all’assise alla prima occasione utile. La deliberazione d’interventi manutentivi straordinari è soggetta a delle maggioranze diverse che variano a seconda del valore economico degli interventi.
Così per le opere straordinarie, che potremmo definire di normale entità, la decisione assembleare sarà valida se in prima convocazione verrà adottata dalla maggioranza degli intervenuti all’assemblea in rappresentanza di almeno 500 millesimi, mentre in seconda convocazione dovrà reputarsi validamente assunta se riporterà il voto favorevole di almeno un terzo dei partecipanti al condominio che rappresentino per lo meno un terzo del valore millesimale dello stabile.
Per il caso di lavori di manutenzione straordinaria di notevole entità la maggioranza necessaria sarà sempre quella indicata dall’art. 1136, secondo e quarto comma, c.c. (ossia maggioranza degli intervenuti all’assemblea e almeno 500 millesimi). La notevole entità degli importi non può essere delineata a livello generale (ossia non esiste una soglia fissa al di là della quale i lavori debbano per forza essere considerati di notevole entità) ma deve essere sempre valutata in relazione al caso concreto. Deliberata l’esecuzione degli interventi manutentivi si dovrà decidere anche della ripartizione dei costi.
A norma del primo comma dell’art. 1123 c.c. le spese relative agli interventi conservativi devono essere ripartiti tra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà, salvo diverso accordo. Che cosa accade se l’assemblea, a maggioranza, approva una ripartizione dei costi sulla base di criteri differenti? Al riguardo bisogna distinguere l’ipotesi tra violazione delle norme codicistiche relative alla ripartizione delle spese e deroghe alla stessa. In sostanza una deliberazione che, senza voler derogare, violi erroneamente i criteri di ripartizione stabiliti è da considerarsi annullabile e non nulla. Saranno invece nulle quelle decisioni adottate dalla maggioranza con le quali si sia inteso derogare ai criteri fissati dalla legge (in tal senso si veda Trib. Bari 20 maggio 2010 n. 1826 e Cass. 19 marzo 2010 n. 6714).

Avv. ALESSANDRO GALLUCCI


Per informazioni scriveteci a:
info@uppi-bologna.it




UPPI - Sede Provinciale di Bologna - Orari d’apertura: Dal Lunedì al Venerdì mattino dalle 9.00 alle 12.00 - pomeriggio dalle 14.00 alle 18.00 - Sabato chiuso

UPPI - Sede provinciale di Bologna
Sede di Coordinamento per la Regione Emilia-Romagna
Via Testoni, 1/B (angolo via Ugo Bassi) - 40123 - Bologna
Tel. +39 051.232790 - +39 051.222258 - Fax +39 051.279340 - info@uppi-bologna.it
Codice fiscale: 92036020375 - P. IVA: 04204080370


Media di visitatori su questo sito: 15.000 ogni mese!!
© Copyright 2000 - UPPI - Tutti i diritti riservati - Credits: stab@stab-bo.it
18-09-2014 - 11:06:52
 
 
 
Contratto di locazione stipulato dall'usufruttario
L' amministratore dopo la riforma
Divisione ereditaria
La locazione abitativa transitoria: contratto breve si, ma a determinate condizioni
Mutui e prestiti: il rischio usura e gli interessi moratori
IndennitÓ d'avviamento e prelazione nella locazione
La responsabilitÓ per immissioni illecite provenienti da un immobile locato
Cessazione della convivenza e comune abitazione
Ritardo nei pagamenti e nullità degli interessi di mora oltre il tasso legale deliberati a maggioranza dall'assemblea condominiale
L'azione di rivendicazione
Diritto di recesso nei contratti di mediazione immobiliare
Locazione di un appartamento ammobiliato, riparazioni e danni al mobilio: chi deve pagare che cosa?
Diritto dei condomini di accedere ai documenti condominiali
Mediazione obbligatoria nelle controversie
Le novità del codice della strada dalla A alla Z
Come comprare un immobile all'asta
Un valido tentativo di evitare i lunghi tempi delle cause civili: l'Accertamento Tecnico Preventivo
Responsabilità del Condominio sulle infiltrazioni d'acqua e sulle condensazioni
Diniego di rinnovo del contratto alla prima scadenza da parte del locatore
Il risarcimento dei danni da infiltrazione nei condomini
LOCAZIONI: Senza esplicita rinuncia la durata Ŕ moltiplicata
Del danno cagionato a terzi da un immobile in locazione rispondo sempre anche io, proprietario? No
Recesso del conduttore e permanenza nell’immobile oltre il periodo di preavviso
Fornitura di energia elettrica: contratti fantasma e risarcimento del danno
Come tutelarsi contro i vizi dell'immobile acquistato
Conoscere la mediazione
Istituto della purgazione della morositÓ e contratti di locazione commerciale
Sfratto per morosità e procedura esecutiva per il rilascio
Il deposito cauzionale nel contratto di locazione
L'ascensore condominiale e sue problematiche
L'acquisto di un bene immobilie proveniente da donazaione indiretta: la cassazione rassicura l'acquirente
Il compenso straordinario dell'amministratore di condominio
Installazione delle tende da sole
Rumori e sanzoni penali
La revisione delle tabelle millesimali
Novità per la composizione amichevole delle liti giudiziarie
La dissociazione dalle liti in condominio
Lavori di manutenzione straordinaria, deliberazione di approvazione delle spese e scelta del criterio di ripartizione: profili d’invalidità
La Suprema Corte ribalta l'orientamento sulla modificabilità delle tabelle millesimali
Le forme di risoluzione delle controversie condominiali
Contratto d'appalto e condomio
Conciliazione: i processi civili guadagnano la scorciatoia
Le evoluzioni giurisprudenziali sui rapporti tra registrazione e validità dei contrati di locazione
L'amministrazione di sostegno
Come impugnare le delibere condominiali
Inquilino moroso
La comunione legale dei beni
Balconi aggettanti
Responsabilità civile
Nei contratti d’affitto 3+2
fa 5?
Il diniego di proroga dei contratti di locazione
Adempimenti amministratore
Uso delle parti comuni, diritti e doveri