SEDE
PROVINCIALE
DI BOLOGNA


              
Home Rivista News Links Mail Mappa
        
 
La nostra storia
UPPI Sindacato
Indirizzo sede
Elenco deleg. Provincia
  di Bologna
• Sedi UPPI
• Prevenzione furti
 Iscrizioni on-line
• Servizi on-line
• Come contattare l'UPPI
• Elenco servizi associati
• Contratti di locazione
• Canoni concordati
• ISTAT
• Contratti portieri CCNL
• Contratto badanti CCNL
Home - Settore Legale

Il compenso "straordinario" dell'amministratore del condominio

Il compenso "straordinario" dell'amministratore del condominio

La recente sentenza della Seconda Sezione della Corte di Cassazione (sent. 28 aprile 2010 n. 10204), ha confermato il carattere omnicomprensivo del compenso determinato in favore dell'amministratore all'atto del conferimento dell'incarico, non ritenendo fondate ulteriori pretese per prestazioni straordinarie, se non specificatamente approvate.
La sentenza in commento fa espresso rinvio al precedente orientamento giurisprudenziale (Cass. 3596/03), la cui analisi esplicita l'iter logico-giuridico dal quale previene, appunto, il carattere omnicomprensivo del corrispettivo deliberato al momento della nomina dell'amministratore.
Un esempio emblematico di illegittima richiesta di compenso straordinario (poiché prassi di molti amministratori) risulta essere la pretesa dell'amministratore di un compenso "a parte" per la tenuta di assemblee straordinarie.
La Suprema Corte perviene a tale conclusione come segue.
Per giurisprudenza costante, l'incarico conferito all'amministratore di condominio risulta assimilabile al "mandato con rappresentanza" e, pertanto, deve essere disciplinato in larga parte dall'apparato normativo regolatore della su citata fattispecie.
L'art. 1708 c.c., al comma 1, prevede che il mandato abbia ad oggetto tutti gli atti necessari all'esecuzione dell'incarico. Tra i compiti istituzionali dell'amministratore vi sono quelli individuati ex art. 66 disp. att. c.c., ovvero convocazione dell'assemblea ordinaria annuale e delle assemblee straordinarie. Il carattere straordinario delle assemblee risulta derivare non tanto dall'oggetto (che normalmente risulta essere comunque di sistematica e usuale amministrazione), ma dalla necessità che alcune decisioni vengano assunte in tempi diversi rispetto all'assemblea ordinaria annuale.
Per quanto sopra, dal combinato disposto dell'art. 1708 c.c., comma 1, ed art. 66 disp. att. c.c., deriva l'inclusione dell'attività dell'amministratore in merito alle assemblee straordinarie nel compenso approvato in suo favore al conferimento dell'incarico annuale. Tale impostazione scongiura, peraltro, il rischio che l'amministratore goda di un incremento ingiustificato del proprio compenso, tramite la proliferazione di convocazioni di assemblee straordinarie superflue. Ricomprendere nel compenso dell'amministratore anche tutte le attività straordinarie non significa che non vi siano casi in cui non possa ritenersi legittimo un compenso ad hoc per attività "straordinarie" svolte dall'amministratore. In primis, occorre evidenziare che l'omnicomprensività del compenso può essere soggetta a deroga pattizia.In buona sostanza, all'atto della nomina dell'amministratore ed all'approvazione del suo compenso, l'assemblea può riconoscere all'amministratore compensi ulteriori per attività straordinarie (ivi comprese le assemblee straordinarie); può approvare compensi ogni qualvolta si presenti la necessità di attività straordinarie (es. opere edili sull'edificio); può, altresì, approvare a posteriori ulteriori compensi (rispetto a quello annuale), a seguito della richiesta da parte dell'amministratore che dimostri di aver svolto nell'interesse del condominio attività straordinarie.In secundis, risulta difficile ricomprendere nel compenso pattuito al momento della nomina anche tutte quelle attività chiaramente non preventivabili, ovvero quelle che esulano da sistematiche gestioni condominiali, o che l'amministratore non potesse facilmente conoscere al momento della redazione del proprio preventivo e che, in tal caso, non siano state correttamente rappresentate allo stesso dai condomini.
Infine, il recente orientamento àncora chiaramente l'omnicomprensività del compenso all'incarico annuale assunto dall'amministratore, tanto che pare pacifico ritenere che tutte le attività pluriennali non possano considerarsi compensate tramite il corrispettivo approvato per la gestione annuale del condominio.

Avv. MARCO PERRINA
Consulente legale UPPI - Delegazione di San Lazzaro di Savena





Per informazioni scriveteci a:
info@uppi-bologna.it




UPPI - Sede Provinciale di Bologna - Orari d’apertura: Dal Lunedì al Venerdì mattino dalle 9.00 alle 12.00 - pomeriggio dalle 14.00 alle 18.00 - Sabato chiuso

UPPI - Sede provinciale di Bologna
Sede di Coordinamento per la Regione Emilia-Romagna
Via Testoni, 1/B (angolo via Ugo Bassi) - 40123 - Bologna
Tel. +39 051.232790 - +39 051.222258 - Fax +39 051.279340 - info@uppi-bologna.it
Codice fiscale: 92036020375 - P. IVA: 04204080370


Media di visitatori su questo sito: 15.000 ogni mese!!
© Copyright 2000 - UPPI - Tutti i diritti riservati - Credits: stab@stab-bo.it
3-07-2014 - 10:15:41
 
 
 
L' amministratore dopo la riforma
Divisione ereditaria
La locazione abitativa transitoria: contratto breve si, ma a determinate condizioni
Mutui e prestiti: il rischio usura e gli interessi moratori
IndennitÓ d'avviamento e prelazione nella locazione
La responsabilitÓ per immissioni illecite provenienti da un immobile locato
Cessazione della convivenza e comune abitazione
Ritardo nei pagamenti e nullità degli interessi di mora oltre il tasso legale deliberati a maggioranza dall'assemblea condominiale
L'azione di rivendicazione
Diritto di recesso nei contratti di mediazione immobiliare
Locazione di un appartamento ammobiliato, riparazioni e danni al mobilio: chi deve pagare che cosa?
Diritto dei condomini di accedere ai documenti condominiali
Mediazione obbligatoria nelle controversie
Le novità del codice della strada dalla A alla Z
Come comprare un immobile all'asta
Un valido tentativo di evitare i lunghi tempi delle cause civili: l'Accertamento Tecnico Preventivo
Responsabilità del Condominio sulle infiltrazioni d'acqua e sulle condensazioni
Diniego di rinnovo del contratto alla prima scadenza da parte del locatore
Il risarcimento dei danni da infiltrazione nei condomini
LOCAZIONI: Senza esplicita rinuncia la durata Ŕ moltiplicata
Del danno cagionato a terzi da un immobile in locazione rispondo sempre anche io, proprietario? No
Recesso del conduttore e permanenza nell’immobile oltre il periodo di preavviso
Fornitura di energia elettrica: contratti fantasma e risarcimento del danno
Come tutelarsi contro i vizi dell'immobile acquistato
Conoscere la mediazione
Istituto della purgazione della morositÓ e contratti di locazione commerciale
Sfratto per morosità e procedura esecutiva per il rilascio
Il deposito cauzionale nel contratto di locazione
L'ascensore condominiale e sue problematiche
L'acquisto di un bene immobilie proveniente da donazaione indiretta: la cassazione rassicura l'acquirente
Il compenso straordinario dell'amministratore di condominio
Installazione delle tende da sole
Rumori e sanzoni penali
La revisione delle tabelle millesimali
Novità per la composizione amichevole delle liti giudiziarie
La dissociazione dalle liti in condominio
Lavori di manutenzione straordinaria, deliberazione di approvazione delle spese e scelta del criterio di ripartizione: profili d’invalidità
La Suprema Corte ribalta l'orientamento sulla modificabilità delle tabelle millesimali
Le forme di risoluzione delle controversie condominiali
Contratto d'appalto e condomio
Conciliazione: i processi civili guadagnano la scorciatoia
Le evoluzioni giurisprudenziali sui rapporti tra registrazione e validità dei contrati di locazione
L'amministrazione di sostegno
Come impugnare le delibere condominiali
Inquilino moroso
La comunione legale dei beni
Balconi aggettanti
Responsabilità civile
Nei contratti d’affitto 3+2
fa 5?
Il diniego di proroga dei contratti di locazione
Adempimenti amministratore
Uso delle parti comuni, diritti e doveri