Il piano “salva-casa”: Salvini accoglie il progetto dell’UPPI

Un piano casa che parte dalle case: l’idea dell’Unione dei Piccoli Proprietari Immobiliari, lanciata al

Tavolo delle Infrastrutture lo scorso gennaio, è stato recepito dal Governo e ora fa parte dell’articolata

iniziativa varata dal Ministro Salvini.

“L’U.P.P.I. – ricorda il Presidente Nazionale Fabio Pucci – aveva segnalato quanto fosse necessaria una rivisitazione della legislazione

sugli interventi edilizi, indirizzata alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente,

anche per la regolarizzazione delle piccole difformità, riscontrabili nella maggior parte degli edifici esistenti.

Rimettendo sul mercato delle locazioni centinaia di migliaia di abitazioni bloccate”.

Nella relazione consegnata al Ministro Salvini l’U.P.P.I. evidenziava che l’accertamento di conformità

(artt. 36 e 37 del testo vigente del DPR 380/01), ponendo la condizione della “doppia conformità”

urbanistica e, ancor di più edilizia, rende, nella maggior parte dei casi, impossibile la sanatoria delle

difformità, con la conseguenza che, ad una quota importante del patrimonio edilizio nazionale, viene di

fatto impedito di effettuare opere di manutenzione straordinaria, di ristrutturazione, di miglioramento

sismico e di efficientamento energetico e, soprattutto, impedisce ai proprietari di affittare queste

abitazioni e di usufruire dei bonus fiscali. La modifica della esigenza della “doppia conformità”

potrebbe avere un impatto notevole sugli immobili irregolari e consentirebbe di risolvere tantissime

situazioni che oggi impediscono di ottenere la sanatoria, reimmetterebbe, inoltre, sul mercato delle

locazioni un numero importante di alloggi e aumenterebbe le entrate per Stato e Comuni.

L’U.P.P.I. gioisce per il recepimento della proposta ritenendo ragionevole sanare la posizione di

abitazioni che presentano solo “lievi difformità” e per le quali non è possibile parlare di “condono”,

nella nota emanata dal Ministero delle infrastrutture e trasporti infatti si legge di: difformità di natura

formale, legate alle incertezze interpretative della disciplina vigente; difformità edilizie “interne”,

riguardanti singole unità immobiliari, a cui i proprietari hanno apportato lievi modifiche; cambi di

destinazione d’uso degli immobili tra categorie omogenee.

L’U.P.P.I. porterà avanti la sensibilizzazione dei piccoli proprietari immobiliari su questo tema, un tema

importante dal punto di vista sociale, del sostegno economico alle ristrutturazioni e anche

fondamentale per proteggere il valore degli immobili italiani.

 

Il Segretario Generale                                  Il Presidente Nazionale

Dr. Jean-Claude MOCHET                                   avv. Fabio PUCCI